OMET System in motion

| 08 July 2016

Intervista ad Antonio Bartesaghi | Serramenti+Design Giugno/Luglio

L’interessante articolo pubblicato sulla rivista Serramenti+Design nel numero di giugno/luglio 2016 riguardante OMET System in Motion.

Di seguito potete trovare il link di collegamento alla rivista in cui è visibile l’articolo a pagina 62, di seguito invece il testo integrale.

Serramenti+Design | Giugno/Luglio


 

OMET partner per movimentare serramenti scorrevoli

L’ingresso nel settore serramenti, gli obiettivi di marketing, la ricerca e l’engineering, la tracciabilità del prodotto e, infine, un controllo qualità quasi assoluto, giustificano la posizione di preminenza dell’azienda lecchese in Italia e in Asia, dove il Gruppo è presente con la Omet Suzhou Mechanical Co. Ltd a Wujiang, in Cina. Ce ne parla Antonio Bartesaghi, Presidente del Gruppo Omet.
A cura di Giuseppe Delli Santi
bartesaghi_a

“La filosofia di fondo dell’azienda è tutta in due parole: diversificazione e qualità. Queste, proiettate nel mercato serramentistico, nel quale abbiamo da poco deciso di entrare, significa  proporsi come partner privilegiato per movimentare serramenti scorrevoli, vetrate per balconi e terrazzi, porte scorrevoli a scomparsa, porte automatiche, guide lineari, coperture scorrevoli. Privilegiato perché siamo ben noti in altri comparti per la nostra  specializzazione nella fornitura di soluzioni di movimentazione tramite cuscinetti a sfera per la movimentazione di cavi, catene aeree, porte per ascensori, ruote, trasportatori a rullo, distributori automatici, nonché divani e armadi, sedie per ufficio, cassettiere ed espositori, ecc. Abbiamo deciso di sfruttare questo spazio per “presentarci” agli operatori del mercato serramentistico con la convinzione di poterci fare apprezzare con prodotti competitivi e di altissima qualità, proponendo soluzioni “su misura” che hanno già conquistato uno dei più importanti leader del settore.

Questo significa anche che la produzione di Omet non è rivolta alla filiera della vendita diretta di prodotti finiti, come ad esempio i rivenditori o gli installatori, bensì a tutti gli operatori che trasformano e assemblano, producendo serramenti”.

Omet investe sull’engineering e la progettazione, per offrire carrelli completi e accessori a completamento gamma oltre al sistema di movimentazione. Due o tre anni fa – riprende Antonio Bartesaghiabbiamo iniziato a proporre sul mercato soluzioni composte da un carrello con inserito il cuscinetto più adatto. Il carrello può avere diverse dimensioni e forme geometriche che dipendono dall’applicazione e dal tipo di serramento. Il cuscinetto viene studiato ad hoc e le relative gole vengono progettate nei dettagli sulla base della guida su cui dovranno scorrere. Tra gli accessori a completamento gamma ci sono i “plastic cap” che migliorano il design del serramento rendendolo completo esteticamente e uniforme nel colore. Abbiamo sviluppato prodotti per una nicchia di settore: quella dei serramenti da esterno, in particolare per vetrate scorrevoli che hanno un ampio mercato nei paesi del Nord e in generale in zone dove c’è molto vento. Anche per questi prodotti offriamo accessori e personalizzazione”.

cuscinett2A proposito di tecnologie e qualità, come ci ha spiegato Omar Mascheri, responsabile della divisione Omet System in Motion, l’azienda utilizza le più moderne tecnologie di stampaggio per ottenere la massima prestazione dai materiali utilizzati e brand internazionali noti per uniformare le produzioni italiane e cinesi. “Disponiamo di ampie competenze nell’utilizzo delle materie plastiche e investiamo sulla sperimentazione di materiali nuovi – spiega Mascheri . Collaboriamo con i più importanti produttori mondiali e centri di ricerca, per trovare le soluzioni più adatte per ogni cliente. Sia in Italia sia in Cina, Omet sta implementando laboratori test con attrezzature moderne per prove di carico statico e dinamico. Garantiamo la tracciabilità del prodotto in ogni fase. Infatti, tra gli aspetti che ci distinguono dalla concorrenza c’è anche l’organizzazione logistica. Abbiamo sviluppato la possibilità di fornire in kan-ban, cioè con prelievi anche settimanali di prodotti dal nostro magazzino, consentendo ai clienti di operare in just-in-time”.

Sulla tracciabilità, pesano le parole di Alessandro Colombo, Quality Manager della divisione, che spiega: “Omet ha attivato procedure mirate per garantire l’identificazione e la rintracciabilità dei propri prodotti finiti e semilavorati lungo l’intero processo produttivo. Per tutte le sedi il materiale viene univocamente identificato sin dall’accettazione in ingresso, utilizzando metodiche visive e registrazioni informatiche che danno informazioni sullo stato della merce e le condizioni di utilizzo. Tutte le movimentazioni e gli utilizzi dei materiali in ingresso (materie prime e semilavorati), seguendo cicli e distinte base univoche e codificate, confluiscono nelle fasi intermedie del processo produttivo, venendo battezzate e tracciandone la storia. Questo si completa nella fase di packaging e immagazzinamento, dove il prodotto viene stivato e identificato tramite etichette apposte sui contenitori. Grazie alle informazioni sulle etichette, Omet è in grado di risalire dal prodotto finito alla materia prima, offrendo all’interessato l’intera documentazione sui controlli eseguiti”.

Omet  –  sottolinea Bartesaghi –  dispone altresì di un ampio know-how tecnico sperimentale che garantisce e supporta il continuo sviluppo dei processi e delle attrezzature coinvolte nella produzione. In particolar modo sono state sviluppate e adeguate alcune tecnologie di costruzione degli stampi di iniezione plastica (stampi a camera calda) per ottenere due benefici: produrre in condizioni di massima efficienza operativa e garantire al contempo un incremento della qualità intrinseca del prodotto”.

Con l’ausilio delle migliori competenze reperibili sul mercato nazionale ed internazionale (centri di ricerca accreditati ed università del territorio) vengono affinati gli stampi, i macchinari e gli stessi prodotti, servendosi di innovativi strumenti software.

OMET in pillole

Dall’ormai lontano 1963, OMET opera nella progettazione e produzione di soluzioni su misura di cuscinetti a sfera e sistemi completi di movimentazione, che trovano applicazione nei più svariati settori industriali.

azienda1

Recentemente l’attività ha interessato il settore dei serramenti. La filosofia aziendale di OMET si basa su un approccio personalizzato all’utente. Una volta definite le esigenze specifiche del cliente, infatti, OMET individua la miglior selezione di prodotti per qualità, prestazioni, funzionalità e costi. Ogni prodotto così elaborato, è consegnato secondo una logica just-in-time, stock o kanban ed è perfettamente tracciabile.

Gli impianti di produzione di OMET System in Motion sono localizzati nel nord Italia, precisamente nella zona di Lecco e a Wujiang, Suzhou (Cina) dove lavora, in uno stabile di proprietà, personale cinese coordinato da management italiano. La divisione conta su una cinquantina di dipendenti in Italia e una settantina in Cina. Il Gruppo, in totale conta su trecento dipendenti cinque stabilimenti produttivi, un’area produttiva coperta in Italia di oltre venti mila metri quadrati.